GGG - Grandi Gite GAT
Storia e arte: alla scoperta
delle chiese romaniche dell'Astigiano
PARTE SECONDA
(a cura di Mario Busatto)

descrizione dell'itinerario


Prosegue la scoperta delle chiese romaniche del Monferrato. Da non perdere!

Come continuazione della gita alle chiese romaniche dell'Astigiano, il GAT propone quest'anno la scoperta di edifici religiosi, edificati tra l'XI e il XIII secolo (in un'area approssimativamente corrispondente a quella esaminata nella prima edizione) e assai poco conosciuti dal grande pubblico.

Molte di queste minuscole chiese, tuttora bellissime, ebbero dignità plebana e testimoniano un'antica organizzazione territoriale, oggi scomparsa.

Si tratta di monumenti meno celebri della chiesa di S. Maria di Vezzolano, ma altrettanto interessanti per un pubblico attento che desideri conoscere e salvaguardare i tesori più nascosti che, anche per questo motivo, necessitano maggiormente di essere tutelati.

L'itinerario inizia dalla chiesa cimiteriale di S. Giovanni Battista, nella minuscola frazione di Vengore presso Roccaverano, dove la torre campanaria, a pianta quadrata conserva maggiormente le tracce del passato romanico, mentre all'interno un prezioso ciclo di affreschi del XV secolo arricchisce il presbiterio.

Da Roccaverano ci si trasferisce a Tigliole per visitare la chiesa romanica di S. Lorenzo dell'XI / XII secolo. L'edificio si compone di una lunga aula rettangolare chiusa da un abside semicircolare, di particolare pregio, che risulta essere leggermente fuori asse rispetto al corpo, forse per simboleggiare la posizione della testa reclinata del Cristo in croce.

A Settime si visiterà la splendida chiesa cimiteriale di S. Nicolao del XII secolo,il cui abside è un vero gioiello dell'arte romanica. Si apprezzeranno il susseguirsi di archetti pensili, le mezze colonnine addossate e i capitelli a ornamenti fitomorfi.
All'interno del catino absidale è stato scoperto nel 2001 un pregevole affresco della fine XIV , inizi XV secolo rappresentante una Madonna allattante.

Da Settime si raggiungerà Cinaglio, dove si visiterà la chiesa di S. Felice dall'ingannevole facciata barocca che cela solo in parte l'originale costruzione romanica, particolarmente visibile nel coronamento absidale esterno con archetti pensili in laterizio.
L'interno conserva pregevoli affreschi di fine quattrocento, tra i quali spiccano quelli del catino absidale.

La meta successiva è la chiesa cimiteriale di S.Pietro a Brusasco, che presenta un abside arricchito da elegantissime colonnine e fiancate che testimoniano i rifacimenti ma lasciano indovinare chiaramente la struttura originaria. L'interno merita di essere visto prima che lo stato di attuale abbandono lo conduca al degrado.

Ultima sosta nell'avvicinamento a Torino è l'abbazia di Santa Fede a Cavagnolo. Si tratta di uno splendido monumento romanico da visitare rapidamente , prima che il forzato abbandono da parte dei Padri Maristi e la conseguente cessazione del regolare utilizzo liturgico lo conduca alla rovina. La facciata ed il portale da soli valgono la sosta e rappresentano esempi significativi del romanico piemontese.

E' importante sottolineare che tutte le chiese romaniche oggetto di questa GGG (Grande Gita Gattica) sono normalmente chiuse e inaccessibili all'interno, per cui l'occasione è da non perdere.



Gruppo Archeologico Torinese (GAT) - Onlus
Sede e Segreteria: Via Bazzi 2 - 10152 Torino - Tel. 011.4366333 - segreteria@archeogat.it
Orario apertura: tutti i venerdì (escluse festività) ore 18/21

Il Gruppo Archeologico Torinese opera principalmente nella Provincia di Torino
con un occhio di riguardo a tutto il territorio subalpino.
Dal 1983, a Torino GAT è sinonimo di Archeologia e Volontariato.